Meizu M1 Note: clone quadcore di iPhone 5c superdotato con 4G/LTE

Immaginiamo un iPhone 5c diverso, magari fornito di uno schermo più grande, un migliore hardware e Android come sistema operativo aperto. Forse non tutti lo desiderano così, sicuramente questo era il pensiero dei progettisti Meizu quando hanno deciso di creare il Meizu M1 Note.

Meizu-M1-Note

In fondo non sarebbe neanche giusto definire il Meizu M1 Note solo un’imitazione dell’iPhone 5c, che da punto di vista estetico somiglia molto al dispositivo Apple, ma nella concezione i due dispositivi sono molto lontani.

Eppure, ad essere onesti, il Meizu M1 Note, possiede alcune caratteristiche significativamente migliori rispetto all’iPhone 5c che imita spudoratamente. È dotato di uno schermo IGZO Full HD 5.5″, un processore MediaTek MT6752 octa-core 1.7GHz, 2GB di RAM, la possibilità di scelta della memoria, 16 e 32GB, e la connettività LTE. La maggior parte degli smartphone Android sono disponibili solo nelle versioni bianco e nero, mentre il Meizu M1 Note è disponibile, come iPhone 5c, nei colori verde, rosa, bianco, giallo e blu.

Meizu-M1-Note-with-SIMApprofondiamo le caratteristiche del Meizu M1 Note.

Smartphone per Giovani:

La varietà dei colori e le caratteristiche di questo dispositivo sembra fatto esclusivamente per il mondo giovanile, e questa generazione non può non apprezzare il Meizu m1 Note.

meizu-m1-note-1Display da 5.5″ – FHD 1080:

Meizu M1 Note è costruito con ottimi componenti, che oltre ad avere un display da 5,5 pollici 1080 px (1920×1080 pixel), Meizu ha voluto curare i dettagli. Per il display è stato utilizzato AUO/Sharp per avere uno schermo con avanzata tecnologia Panel Self Refresh (PSR), che vuol dire minore consumo energetico, una densità di pixel di 403 PPI, fino a 450nit di luminosità e una riduzione del 75% dei riflessi grazie ad una laminazione GFF.

meizu-m1-note-2Processore MediaTek 64-bit Octa-Core:

Il Meizu M1 Note è dotato di un processore MTK MT6752 a 64-bit 1.7GHz  con CPU quad-core, con capacità operative e prestazioni esaltanti. Questo chip sfrutta la solida integrazione di molti componenti per offrire una incredibile velocità ed efficienza energetica al dispositivo. Tra questi, l’utilizzo dell’architettura CPU Krait per ottenere le massime prestazioni, con l’integrazione della connettività 4G LTE e Adreno 306 GPU per una grafica e esperienza di gioco superiore, aumentando la capacità dell’interfacce 3D, dei colori e texture.

meizu-m1-note-3Super batteria 3140 mAh:

Per dare un tempo di funzionamento più lungo, Meizu M1 Note monta una batteria/ATL Sony da 3140 mAh , ed un sofisticato processore di gestione dell’alimentazione controllati da Flyme 4. Queste accortezze consentono una durata più lunga della batteria.

meizu-m1-note-4Fotocamera da 13 Megapixel:

Meizu M1 Note ha un’ottima fotocamera. Si possono scattare foto velocemente con effetti sfocatura gratis integrati. Con i 13 megapixel del sensore Samsung e un flash a doppio LED crea il perfetto equilibrio di luce per riprese notturne. Anche l’azione più veloce può essere ripresa con la modalità scatto a raffica con ritardo da zero a 30 fps. La fotocamera anteriore è di 5 Megapixel.

meizu-m1-note-5Le prestazioni e le personalizzazione del Meizu M1 Note vengono esaltate dal sistema operativo Flyme 4, basato su Android 4.4. Sono state progettati 5 nuovi sfondi per abbinarli al colore del vostro smartphone.

Meizu M1 Note è ancora in prevendita e si può trovare a 249$, circa 200€ su alcuni store come oppomart.com, ma come abbiamo detto, ancora si può solo ordinarlo ad un prezzo decisamente superiore a quanto venduto in patria. Sul mercato interno viene venduto a soli 999 Yuan (circa 134 Euro).

Se ti è piaciuto questo articolo, ci farebbe piacere se lo condividessi
Seguici su Facebook, Twitter, Google+ e se apprezzi il nostro lavoro scopri come supportarci ♥
simone

Simone Montalto - Webmaster e Editor

Ingegnere Informatico laureato presso il Politecnico di Milano. Appassionato di tecnologia e programmazione. Esperto e utilizzatore dei prodotti Apple ma anche di Android e Linux.