Come ottenere i permessi di Root su KingZone K1 Turbo

kingzone-k1In questo articolo vogliamo proporre le procedure per ottenere i permessi di root sul dispositivo KingZone K1 Turbo (con in esecuzione Android 4.2.2). E’ uno smartphone con processore octacore MT6592 e display da 5.5 pollici, risoluzione Full HD. Per eseguire la procedura sarà utilizzata l’applicazioni Root Genius per computer Windows.

Requisiti: Se si utilizza qualsiasi applicazione antivirus sul computer, allora disattivatelo prima di eseguire la guida qui sotto.

Come ottenere i permessi di Root su Kingzone K1 Turbo

Passo 1: Abilitate il USB debugging sul vostro Smartphone. Per attivare USB debugging, aprite Impostazioni> Opzioni Sviluppatori> USB Debugging> spuntate per abilitare.

(Opzione sviluppatori sui dispositivi con Android 4.2.2 o superiore è nascosto, per mostrare questa opzione andate in Impostazioni> Info sul dispositivo> Versione build (cliccare per 5-8 volte su di esso).

kingzone_1

Passo 2: Effettuare il Download e aprire l’applicazione Root Genius sul computer Windows.

Passo 3: Una volta che Root Genius viene avviato, collegare lo smartphone al computer (con USB debugging abilitato).

Passo 4: Una volta che lo smartphone è connesso con successo al computer, Root Genius rileverà automaticamente il dispositivo.

kingzone_2

Passo 5: Ora, fare clic sul pulsante “Root Now” per iniziare il processo di Root.

kingzone_3

Passo 6: Ora attendere che Root Genius inizi la procedura automatica del Root sullo smartphone Kingzone K1 Turbo e di installare KingUserApplication.

kingzone_4

Passo 7: Ora lo smartphone Kingzone K1 Turbo ha ottenuto i permessi di Root. Per verificare se il telefono ha ottenuto i permessi di root correttamente, aprire il Menù delle applicazioni, sarete in grado di vedere una nuova applicazione installata, chiamato KingUser. Se questa applicazione esiste, allora vuol dire che avete completato il procedimento con successo sul vostro dispositivo.

kingzone_5

Optionale: Inoltre, si può verificare se il dispositivo ha ottenuto i permessi di root con successo o meno utilizzando l’applicazione Root Checker.

Se ti è piaciuto questo articolo, ci farebbe piacere se lo condividessi
Seguici su Facebook, Twitter, Google+ e se apprezzi il nostro lavoro scopri come supportarci ♥
simone

Simone Montalto - Webmaster e Editor

Ingegnere Informatico laureato presso il Politecnico di Milano. Appassionato di tecnologia e programmazione. Esperto e utilizzatore dei prodotti Apple ma anche di Android e Linux.

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, cliccando in un'area sottostante o accedendo ad un'altra pagina del sito, acconsenti all’uso dei cookie. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi